Giulio AGOSTINO

Araba Fenice 2019 a Cambiano 14 sett - 13 ott 2019
Giulio Agostino nel suo percorso artistico ha compreso la ricerca di materiali, soprattutto legno; le cortecce, recuperate e riutilizzate, sono il supporto per una pittura leggera che segue le linee delle increspature del legno. Ne derivano interpretazioni di paesaggi, opere attente alle forme della natura, con nuove espressioni visive.

Ciò che muore nel bosco, rivive nelle composizioni create da Giulio Agostino.

Le sue opere scultoree, in questo caso bassorilievi, realizzate con cortecce cadute, sembrano dare valore, glorificare, la Natura.

La scelta delle forme e dei colori astraggono il materiale delle sue origini, per offrire un’opera che ciascuno può leggere con la propria visione interpretativa.

Ciclo “Cortecce”

Cortecce trattate e colorate

 

Le Cortecce restituiscono, con nuovo valore, quanto è di fatto un’eccedenza naturale

Pin It on Pinterest