Roberto DE FANTI

Araba Fenice 2019 a Cambiano 14 sett - 13 ott 2019

Un’opera di denuncia realizzata partendo dall’attualità dei grandi e piccoli eventi rovinosi. L’idea alla base della creazione del 2019 è l’alluvione, traslato in un contesto antropomorfo quale conseguenza indiretta di gesti umani che incidono sul clima e sul nostro pianeta.

 

Un tronco d’albero, trascinato dal Po e arenatosi sulla riva.

Pellicole e borse disperse nell’ambiente che approdano ovunque possano agganciarsi.

L’impatto soffocante della plastica sull’ambiente e la desolante rappresentazione di un paesaggio variopinto dai sacchetti-rifiuto.

Roberto De Fanti in ‘Alluvione’ inserisce questi elementi e il suo vissuto quotidiano a contatto con la natura.

Nei parchi, che lo stesso essere umano ha creato e che cura con risorse di tempo e denaro, coesistono le attenzioni e l’incuria, una bestialità indiscriminata e forse anche involontaria.

Alluvione

Legno, plastica, foto, sabbia

 

 

Una foto al giorno per prestare attenzione, per non fare finta di niente, di fronte alla deturpante presenza di plastica sulle rive del Po: un’installazione rappresentativa dell’inquinamento anche da piccoli, incuranti gesti

Pin It on Pinterest